Sito di informazioni per il consumatore dal 2008

La Bundesliga riapre gli stadi con capienza al 20%

La Bundesliga riapre gli stadi con capienza al 20%

A 48 ore dall’inizio ufficiale della Bundesliga, i 16 stati federali tedeschi (Lander) hanno rivisto, grazie ad un concordato con lo stato centrale, le nuove norme nazionali che regolano l’affluenza del pubblico negli stadi. Il limite precedentemente fissato di 1.000 spettatori, verrà infatti ampliato al 20% della capacità totale degli impianti fino al termine del mese di ottobre.

Successivamente avverrà una valutazione della situazione, in base al numero di nuovi casi positivi al Corona virus, ogni 100.000 abitanti. Messe momentaneamente in soffitta sagome di cartone atte a simulare tristemente il tifo, si avvia ora una fase di sperimentazione, che ci si augura, possa rappresentare un valido inizio.

L’incontro di venerdì sera, tra Bayern Monaco e Schalke 04, vedrà finalmente un vero pubblico in carne ed ossa, nonostante gli indici di contagio nel capoluogo bavarese siano attestati su valori oltre la soglia di tolleranza. Le disposizioni prevedono una distanza di 1,5 metri, flussi d’ingresso e uscita regimentati, vendita di tagliandi esclusivamente nominale, al fine di ricostruire eventuali catene di trasmissione del temuto virus.

L’indipendenza amministrativa di cui godono i Lander, aveva comunque permesso di far disputare alcune partite di Coppa di Germania con regolare pubblico, addirittura senza norme che ne regolassero il distanziamento. Questa decisione ha immediatamente, ed aggiungo giustamente, sollevato all’epoca un vespaio di polemiche apparendo decisamente fuoriluogo.

Ci auspichiamo un graduale ritorno alla normalità, il calcio ha bisogno dei propri tifosi perché nel silenzio di uno stadio vuoto non può (r)esistere a lungo.

Altri Articoli che potrebbero interessarti

Facci sapere la tua opinione

La email non sarà pubblicata. Campi obbligatori contrassegnati con *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.