Champions League 2021-2022: dove vedere la più affascinante competizione continentale

Sabato scorso, con la vittoria del Chelsea sullo strafavorito Manchester City (vedi le quote vincente Champions), si è archiviata l’edizione della Champions League 2020/2021. Un’edizione nata con tutte le preoccupazioni del caso – a causa del diffondersi del Covid-19 – ma che, alla fine, è riuscita a svilupparsi e concludersi senza alcun intoppo o rinvio di calendario.

La speranza di tutti gli addetti ai lavori, guardando alla prossima stagione, è ovviamente quella di un sempre più graduale ritorno alla normalità: l’obiettivo è quello di riportare quanto prima i tifosi all’interno degli impianti sportivi, così da tornare a vivere gli eventi dal vivo. Qualora, purtroppo, questo scenario non dovesse essere realizzabile in tempi brevi, ecco che bisognerà attrezzarsi per poter guardare – comodamente seduti sul divano di casa – la più importante competizione continentale.

Quello dei diritti TV è oramai uno degli argomenti più gettonati dell’ultimo periodo, saltato alla ribalta per la clamorosa acquisizione di quelli della Serie A da parte di Dazn. A farne le spese è stata Sky, la quale – dopo quasi un ventennio di assoluto dominio in questo ambito – si è vista spodestare dal ruolo di maggiore canale di trasmissione delle partite della massima serie nostrana. L’emittente di Murdoch, accusato il colpo, ha risposto strappando la (quasi) esclusiva per i diritti della Champions League: gli appassionati potranno difatti seguire 121 partite su Sky, che si tratti di visione classica via satellite o streaming con Now Tv. Le restanti 16 saranno invece visibili, in assoluta esclusiva, su una piattaforma a sorpresa: Amazon Prime si è difatti assicurata la possibilità di trasmettere una gara a settimana, semifinali incluse.

Il colosso di Jeff Bezos potrà scegliere quale gara mandare in onda ogni mercoledì, al fine di offrire – almeno sulla carta – la portata più appetitosa per i propri abbonati. A proposito di abbonamento, i dirigenti di Amazon Prime si sono sbilanciati in merito al costo che avrà questo nuovo tipo di servizio: “non saranno previsti costi aggiuntivi – ha dichiarato Alex Green, managing director Prime Video Sport in Europa – rispetto al classico abbonamento ad Amazon Prime”.

Ma non è finita qui: oltre a Sky ed Amazon Prime difatti, il mosaico dei diritti TV della prossima Champions League si completerà con l’offerta in chiaro fornita da Mediaset. Quest’ultima difatti avrà la possibilità di trasmettere – in chiaro – 17 gare della massima competizione europea, finale inclusa; ovviamente, per differenziarsi da quanto proposto da Amazon Prime, Mediaset avrà come giorno principale il martedì sera. Quindi per ricapitolare:

  • Sky Sport trasmetterà 121 partite
  • Amazon Prime trasmetterà 16 partite del mercoledì in esclusiva (senza costi aggiuntivi sull’abbonamento)
  • Mediaset trasmetterà in chiaro 17 partite (di martedì) compresa la finale
  • Mediaset Infinity trasmetterà 104 partite (compresa la finale, senza costi aggiuntivi sull’abbonamento)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.